Home Design Come fare per regolare la sedia da lavoro ed avere una postura corretta alla scrivania
Come fare per regolare la sedia da lavoro ed avere una postura corretta alla scrivania
02/04/2020

Come fare per regolare la sedia da lavoro ed avere una postura corretta alla scrivania

Sappiamo che assumere una postura corretta mentre si esegue un lavoro alla scrivania è molto importante per preservare l’apparato muscolo scheletrico da problemi, come contratture e discopatie, ma anche per sperimentare una sensazione di maggiore comfort durante le ore alla scrivania e quindi eseguire meglio le attività lavorative.

Per ottenere buoni risultati è indispensabile dotarsi di una poltrona ergonomica , cioè una seduta che abbia una serie di requisiti descritti in dettaglio nei precedenti articoli.

Una seduta operativa ergonomica rispetta dei parametri numerici standard, specifiche dimensioni, altezza, larghezza etc…ma naturalmente questi variano in funzione dell’individuo che utilizza la utilizza e pertanto opportuno tener conto della soggettività di ciascuno ed adattare detti parametri alle proprie necessità.

In sostanza per rendere funzionale una poltrona ergonomica è necessario imparare a regolarla per adattarla alla propria conformazione fisica (altezza, peso, forza etc etc)

Siccome non siamo tutti uguali, la sedia si deve regolare: i comandi di regolazione devono essere accessibili in posizione seduta e maneggevoli. In genere li troviamo sotto al sedile.

Step 1: regoliamo l’altezza del sedile

Il sedile deve essere regolato in altezza, per portare l’angolo delle ginocchia a 90-110° e gli avambracci appoggiati al piano del tavolo. L’escursione dell’alzata a gas del sedile varia da un minimo di 39 cm, per una statura di 1,45 m, fino a 55 cm per una statura di 2,05 m.

I piedi devono essere ben poggiati a terra e, solo se necessario, su un ampio poggiapiedi.

Step 2: posizioniamo correttamente il bacino

Per sedersi correttamente è necessario portare il più possibile indietro il bacino appoggiandosi allo schienale, per scaricare su di esso parte delle forze che arrivano sulla colonna.

Step 3: regoliamo lo schienale

Lo schienale della seduta da lavoro ha un ruolo molto importante, per questo deve rispondere a più di un requisito ed essere regolabile in più modi.

Per quanto riguarda le caratteristiche, lo schienale deve:

  1. Avere un’ imbottitura semirigida ed un rivestimento traspirante
  2. Essere medio-alto e dare un supporto lombare, meglio se regolabile in altezza. La regolazione in altezza viene effettuata ponendo le mani alla base dello schienale e facendo un movimento verso l’alto. In questo modo è possibile sistemare il supporto lombare proprio in corrispondenza della curva lombare della vostra schiena
  3. Essere regolabile in inclinazione tramite un’apposita leva che blocca e sblocca l’oscillazione dello schienale e lo fissa nell’inclinazione più comfortevole per la il tronco, tra i 90°e i 110° di inclinazione rispetto alle cosce

In sintesi, per assumere una postura corretta, gli angoli fondamentali da rispettare sono quelli a livello dei gomiti, delle anche e delle gambe, che devono essere superiori ai 90°, per rispettare le lunghezze muscolari, non ostacolare la circolazione sanguigna linfatica, non intrappolare la componente nervosa.

Va posta inoltre molta attenzione alle spalle che devono rimanere rilassate quando le mani digitano sulla tastiera, usano il museo o gli avambracci sono appoggiati al tavolo o sui braccioli.

Gli esperti di ergonomia ci ricordano che la colonna soffre in ogni caso delle posizioni prolungate, quindi è meglio evitare di rimanere seduti per più di 30 minuti ed anche da seduti l’imperativo è di cambiare spesso posizione. Per il massimo del comfort è per questo utile dotarsi di un moderno sit-standing desk

Guarda il video che mostra le regolazioni della sedia da lavoro

Seleziona l'ambiente di tuo interesse e dai uno sguardo ad alcune possibili soluzioni.

© Madea Sas - Tutti i diritti riservati - P.iva: 08959391213